www.inveritatidico.jimdo.com sito di automiglioramento

Che cos’è l’amore

L’amore ha molti aspetti. Esso si rivela in sollecitudine, tenerezza, fedeltà, altruismo e servizio attivo a Dio, che è realizzato col servizio alla gente.

Una delle sue rivelazioni principali è la tenerezza, anche sessuale. E non possiamo non notare che la vita sessuale corretta favorisce in modo diretto lo sviluppo dell’amore nella gente.

Ciononostante dovremmo imparare a separare i due concetti sesso-amore, in quanto il sesso conduce all´amore ma il sesso stesso non e´l´amore.

  • I FUOCHI D’ARTIFICIO sono sostanze chimiche in grado di dar luogo a reazioni di esplosione; essi vengono lanciati da terra in aria e sono accompagnati da fenomeni luminosi e sonori e, in genere, da produzione di fumo. Normalmente i fuochi artificiali producono quattro “effetti primari”:
    • luce
    1. -primo effetto-
    • rumore
    2. -secondo effetto-
    • fumo
    3. -terzo effetto-
    • materiale solido in combustione che cade lentamente -
    4. quarto effetto-
  • 2
    L’AMORE è una sostanza chimica in grado di dar luogo a reazioni di “esplosioni”, esso viene lanciato da terra in aria ed è accompagnato da quattro effetti “effetti primari”:
  • 3
    Primo effetto: disponibilità. A scatenare la predisposizione all’amore è la adrenalina, una sostanza prodotta dalle ghiandole surrenali quando l’organismo è sotto stress. Essa provoca aumento della pressione arteriosa, dilatazione di bronchi e pupille, arresto della digestione: condizioni che il proprio partner interpreta come un messaggio di seduzione.
  • 4
    Secondo effetto: passione. La sostanza che produce un vero e proprio senso di esaltazione, si chiama Feniletillamina (PEA), che è simile all’anfetamina, perché aumenta le prestazioni psico-fisiche. Provoca assuefazione e, se viene a mancare, scatena una depressione da astinenza. L’azione della PEA è limitata nel tempo, cioè in genere interessa maggiormente i giovani che gli adulti. Vi sono tracce della PEA nel cacao e nell’acqua di rose: è forse per questo che il corteggiamento inizia regalando rose e, quando finisce, si mangiano cioccolato per mancanza di attenzioni o affetto.
  • 5
    Terzo effetto: consolidamento. L’ormone che stimola l’affetto reciproco e l’attaccamento ai figli è l’ossitocina, prodotta dall’ipofisi. In una università americana si è costatato che quando ai topi maschi veniva somministrata l’ossitocina collaboravano a costruire il nido e a proteggere la prole.
  • 6
    Quarto effetto: maturità. In questa fase la coppia è aiutata a stare insieme, nonostante i figli siano già grandi, da alcune proteine prodotte dal cervello, dette endorfine, che hanno un effetto analgesico e calmante (simile alle morfine). E’ la costante presenza del partner che stimola tale produzione.
  • 7
    Adrenalina: L’adrenalina è stata ritenuta per anni il neurotrasmettitore principale del sistema nervoso simpatico, nonostante fosse noto che gli effetti della sua somministrazione erano differenti da quelli ottenuti tramite stimolazione diretta del simpatico.
    Feniletillamina: La sostanza che produce un vero e proprio senso di esaltazione, si chiama feniletillamina (PEA), che è simile all’anfetamina
    Ossitocina: L’ossitocina è un ormone peptidico prodotto dai nuclei ipotalamici e secreto dalla neuroipofisi. L’azione principale dell’ossitocina è quella di stimolare le contrazioni della muscolatura liscia dell’utero. Nell’ultimo periodo della gravidanza la responsività dell’utero all’ossitocina aumenta notevolmente e l’ormone esercita un ruolo importante nell’inizio e nel mantenimento del travaglio e del parto.
    Endorfine: L’endorfina (o endorfine) è una sostanza chimica di natura organica prodotta dal cervello, dotata di proprietà analgesiche e fisiologiche simili a quelle della morfina e dell’oppio, ma con portata anche più ampia di queste. Il termine è composto di due parti “endo” sostanza prodotta da una reazione endogena, “-orfina” sostanza simile alla morfina. Quando un impulso nervoso raggiunge la colonna vertebrale le endorfine vengono rilasciate in modo da prevenire un ulteriore rilascio di questi segnali.
Tornare a respirare
Tornare a respirare

La meditazione e´davvero analgesica?

  -Corriere della sera-

La meditazione
La meditazione

MILANO- È un analgesico senza effetti collaterali. C'è bisogno di un po' di impegno (poco davvero, parrebbe) per imparare a farla bene ma promette di ridurre il dolore. Stiamo parlando della meditazione: sarebbe in grado di diminuire dal 40 al 60 per cento l'intensità e il disagio del dolore percepito, stando a una ricerca americana pubblicata dal Journal of Neuroscience

Secolo d´Italia:Sette pericolose

LIBRI / Le sette non sono solo piccole comunità di persone deboli o disperate plagiate da un qualche “santone”, come la stampa tende a presentarle. La realtà è ben diversa, e più pericolosa: non solo questi gruppi rovinano vite e famiglie, ma trovano agganci fra parlamentari, imprenditori, uomini di spettacolo e professori riuscendo a inserirsi in grandi istituzioni pubbliche e private, fino a raggiungere i vertici dello Stato. (Gianni Del Vecchio-Stefano Pitrelli, Occulto Italia, Bur, pp. 388, euro 12,50)